Post semi-serio: "Risolvo problemi"

Il titolo del post è esplicito: vogliamo sorridere ed usare un po’ di ironia per descrivere ArredaSystemStavamo pensando quali problemi della distribuzione d’arredamento vengono risolti grazie ad ArredaSystem, e con un po’ di fantasia mi è venuto in mente il sig. Wolf di Pulp Fiction: Sono il sig. Wolf, risolvo problemi“.

Chi ha apprezzato il non-sense di Tarantino può capirmi: pensando ai problemi del nostro settore mi è venuta in mente la frase “Sono ArredaSystem, risolvo problemi”…problemi apparentemente impossibili.

* Avere la certezza assoluta dell’incasso;
* Vendere 24h al giorno incrementando le opportunità;
* Aprire più facilmente nuovi mercati esteri;
* Fare e-commerce senza irritare i propri rivenditori;
* Aumentare il fatturato coinvolgendo la distribuzione tradizionale;
* Campionare più facilmente e ridurre i costi di campionatura;
* Slegare le vendite dalle limitazioni della modellistica esposta.

Ci siamo chiesti: “quanto costa ad un produttore di arredamento NON cogliere queste opportunità?“. Ogni produttore può dare la propria risposta, ci piacerebbe conoscerla: chiamateci e ne parliamo.

 

Proseguo in questo post un po’ grottesco con un’altra citazione cinematografica, dal mitico “maestro Yoda” (inutile citare il film!):
“Do, or do not. There is no try”.

Ecco il dialogo fra il maestro Yoda e l’allievo Luke che doveva sollevare una navicella affondata con la sola forza del pensiero.
Yoda: “Così sicuro sei tu…sempre per te non può essere fatto, tu non senti ciò che dico…devi disimparare ciò che hai imparato…”
Luke: “D’accordo, ci proverò…”
Yoda: “No, provare no. Fare! O non fare. Non c’è provare”.

Non si può pensare che qualcosa sia impossibile solo perchè non è mai stato fatto prima, bisogna abbandonare tutti i preconcetti del settore arredamento! Anche perchè ciò che è nuovo per il settore arredo spesso è già stato fatto in altri settori, basta tenere presenti le specificità uniche del nostro settore e prendere i dovuti accorgimenti, senza copiare pedestremente ma reinventando mettendo in gioco la creatività e basandosi sull’esperienza.

Quando si prende una strada, poi, non si può semplicemente “provare“, sperando di riuscire. Non si possono fare esperimenti: o si sceglie di “non fare (che significa correre il rischio di scomparire), oppure si sceglie di “fare bene“…e per fare bene è meglio mettere da parte l’emulazione ed affidarsi ai professionisti.

Come mr. Wolf, o come Area D.